Saluto di mons. Mansueto Bianchi all’udienza di Papa Francesco

UDIENZA DEL SANTO PADRE FRANCESCO ALL’AZIONE CATTOLICA ITALIANA

Aula Paolo VI
Il saluto di +Mansueto Bianchi, Assistente Ecclesiastico Generale dell’Ac
3 maggio 2014

Beatissimo Padre,
solo una parola da parte dell’ultimo arrivato in questa famiglia, grande e bella, dell’Azione Cattolica. Una parola che ha il sapore della testimonianza e lo slancio della speranza.
Conti su di noi, Padre Santo, per quel progetto di Chiesa che ci ha raccontato nell’esortazione apostolica “Evangelii Gaudium”; conti su di noi per quello che è stato lungamente un desiderio, un sogno, una preghiera dentro ciascuno di noi e che oggi Lei ci dona come una proposta di impegno e di realizzazione.

L’Azione Cattolica, se posso rubare una immagine che già fu del Card. Lustiger, desidera essere come l’asino su cui Gesù compì il suo ingresso a Gerusalemme.
Non siamo eccezionali, come i cavalli di razza, di solito non compariamo nei monumenti equestri, siamo anche un po’ grigi, ma tenaci, e soprattutto desideriamo con tutto il cuore portare il Signore dentro la città. In questo crediamo di somigliare un po’ alle nostre parrocchie, alla Chiesa di tutti i giorni, per tutte le persone che sentiamo di amare e che  vogliamo servire.

Padre Santo, grazie! Grazie di gran cuore per il dono di questo incontro e, soprattutto, per il dono che Lei è per la nostra Chiesa e per il mondo.

Saluto di mons. Mansueto Bianchi al Santo Padre (3 maggio 2014) – 10 kB